dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»SANITA’, G20 E SVILUPPO DEL TERRITORIO AL TAVOLO DELLA REGIONE

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 08 Marzo 2021 15:03

SANITA’, G20 E SVILUPPO DEL TERRITORIO AL TAVOLO DELLA REGIONE

Primo incontro istituzionale tra il sindaco di Matera, Domenico Bennardi, e il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi. Questa mattina, nella sede di via Verrastro a Potenza, il primo cittadino materano ha avuto modo di porre al tavolo del confronto alcune tra le principali questioni che stanno assorbendo la vita amministrativa: si è parlato, tra l’altro, dell’emergenza Covid e della campagna vaccinale, delle iniziative di sostegno ai lavoratori autonomi, della riforma sanitaria e del ruolo dell’ospedale Madonna delle Grazie, dell’organizzazione del G20 del prossimo 29 giugno, nonché della necessità di non perdere slancio per lo sviluppo e la crescita delle città.   

“E’ stato un incontro molto franco – ha spiegato il sindaco Bennardi – e sono compiaciuto del fatto che il presidente Bardi abbia compreso l’importanza delle questioni sollevate, rispetto alle quali ho registrato disponibilità a lavorare per trovare soluzioni che consentano a Matera di non essere penalizzata. Mi è stata assicurata una fornitura adeguata di vaccini per poter effettuare una campagna massiva, mettendo anche a disposizione risorse e luoghi affinchè si proceda senza alcun ritardo. Rispetto alla riforma sanitaria, ho ribadito la necessità di una discussione in un Consiglio comunale aperto, anche in presenza dell’assessore alla Salute, Rocco Leone, per delineare con chiarezza, in maniera partecipata e nella massima trasparenza il futuro del nostro nosocomio”.

“Tutte le considerazioni fatte insieme al presidente Bardi – ha aggiunto Bennardi – trovano il loro presupposto nella necessità di superare campanilismi e iniziative che possano essere divisive per i territori, e lavorare per percorsi di crescita omogenea, nei quali entrambe le province abbiano ruoli paritetici”.